Le fonti domestiche di formaldeide, COV e piombo

Come abbiamo visto in un articolo ad hoc, gli inquinanti indoor sono principalmente i seguenti: (1) fumo passivo; (2) fumo dal riscaldare o cucinare; (3) particolato indoor; (4) muffa; (5) contaminanti biologici; (6) amianto; (7) particelle di piombo; (8) Composti Organici Volatili, o COV; (9) monossido di carbonio; (10) formaldeide; (11) ozono; (12) biossido di azoto; (13) pesticidi e disinfettanti; (14) radon.

Tuttavia, mentre le persone hanno di solito facilmente contezza – in particolare dall’odore, o spesso anche solo da un’indagine visiva – della presenza di alcuni di questi inquinanti (ad es. fumo passivo, fumo dal riscaldare e cucinare, muffa, alcuni contaminanti biologici, insetticidi e disinfettanti), per tre di essi ciò è più difficile, anche perché ne sono poco note le fonti, che ora pertato illustreremo più in dettaglio: parliamo della formaldeide, dei Composti Organici Volatili (COV) e delle particelle di piombo.

Le fonti indoor di formaldeide

La formaldeide (H2CO) è una sostanza chimica organica molto diffusa nel nostro ambiente. È un gas incolore e altamente reattivo con un odore pungente proveniente da una famiglia di gas chiamati aldeidi. Fonti di formaldeide in casa includono materiali da costruzione e isolanti, il fumare, prodotti per la casa e l’uso di apparecchi non ventilati che bruciano combustibile, come fornelli a gas o stufe a cherosene.

La formaldeide può anche essere ottenuta commercialmente come soluzione acquosa al 30-50% (in peso), nota come formalina. Nell’aria ambiente, la formaldeide viene rapidamente foto-ossidata in anidride carbonica. Inoltre reagisce molto rapidamente con i radicali idrossilici per dare acido formico. L’emivita stimata per queste reazioni è di circa un’ora, a seconda delle condizioni ambientali.

È un agente sensibilizzante che può causare una risposta del sistema immunitario all’esposizione iniziale. Si tratta anche un sospetto cancerogeno per l’uomo collegato al cancro del naso e al polmone. L’esposizione alla formaldeide è più comune attraverso l’inalazione in fase di gas. Le concentrazioni disperse nell’aria di formaldeide superiore a 0,1 ppm possono causare irritazione delle vie respiratorie.

La formaldeide si trova ubiquitariamente nell’ambiente, perché è formata principalmente da numerose fonti naturali e attività antropogeniche. Nell’ambiente, viene rilasciata attraverso la combustione della biomassa (incendi boschivi e boschivi) o la decomposizione e attraverso i vulcani, per esempio.

Le fonti antropogeniche includono quelle dirette, come le emissioni industriali in loco e la combustione del carburante dal traffico. Altri processi di combustione (centrali elettriche, incenerimento, etc.) rappresentano pure fonti di emissioni di formaldeide nell’atmosfera. Tuttavia, la formaldeide è anche ampiamente prodotta industrialmente in tutto il mondo per l’uso nella produzione di resine, come disinfettante e fissativo, o come conservante nei prodotti di consumo.

Comunemente nota come conservante nei laboratori medici e mortuari, la formaldeide si trova pertanto anche in altri prodotti come: prodotti chimici, pannelli truciolari, prodotti per la casa, colle, tessuti per stampa permanenti, rivestimenti di prodotti cartacei, pannelli di fibra e compensato. È anche ampiamente usata come fungicida industriale, germicida e disinfettante.

Anche se molti prodotti hanno il potenziale per rilasciare la formaldeide nell’aria indoor, relativamente pochi causano livelli significativi di contaminazione. I prodotti a base di legno pressato – come ad esempio il compensato – e di UFFI (Urea Formaldehyde Foam Insulation), un isolante sintetico creato negli anni ‘30, possono rilasciare formaldeide a tassi più elevati rispetto ad altri prodotti.

Nelle case, le fonti più significative di formaldeide possono dunque essere prodotti in legno pressato realizzati con adesivi che contengono resine a base di urea-formaldeide. I prodotti di legno pressati per uso interno comprendono: pannelli truciolari (usati come sottofondi e scaffali, mobili); pannelli in compensato di legno duro (utilizzati per rivestimenti decorativi o in armadi e mobili); etc.

Inoltre, comprendono il cartone di fibra a media densità (utilizzato per frontali, armadi e ripiani di mobili). Il cartone di fibra a media densità contiene un rapporto resina-legno superiore rispetto a qualsiasi altro prodotto di legno pressato a base di urea-formaldeide ed è generalmente riconosciuto come il prodotto di legno pressato che emette il più alto livello di formaldeide.

Tutti questi prodotti e usi creati dall’uomo sono le principali fonti indirette di formaldeide, in particolare indoor. Infine, va notato che la formazione secondaria di formaldeide si verifica nell’aria attraverso l’ossidazione di composti organici volatili (COV) e sono state ampiamente osservate reazioni tra ozono (ad es. proveniente dall’esterno) e alcheni (soprattutto terpeni). Il contributo di questi processi chimici secondari alle concentrazioni ambientali e indoor non è ancora del tutto quantificato.

La formaldeide, uno dei più conosciuti COV, è uno dei pochi inquinanti dell’aria indoor che possono essere misurati facilmente. Identifica e, se possibile, rimuovi la fonte. Se non è possibile rimuoverla, riduci l’esposizione utilizzando un sigillante su tutte le superfici esposte di pannellature e altri arredi. Utilizza tecniche di gestione integrata dei parassiti per ridurre la necessità di pesticidi.

Le fonti di Composti Organici Volatili (COV)

I composti organici volatili (COV) sono gas che vengono emessi da un certo numero di fonti interne: in pratica, da determinati solidi o liquidi. Le concentrazioni della maggior parte dei COV sono più elevate – fino a 10 volte – nell’aria interna rispetto all’aria esterna. I COV includono una varietà di sostanze chimiche, alcune delle quali possono avere effetti avversi sulla salute a breve ed a lungo termine.

I principali tipi di COV collegati, in particolare, ai materiali da costruzione sono riassunti nella qui sotto. Le sostanze chimiche sono raggruppate in 10 gruppi chimicamente diversi, tra cui aldeidi, chetoni, alcoli / glicoli / glicoleteri, esteri, alocarburi, idrocarburi alifatici, idrocarburi aromatici, cicloalcani, terpeni e altri. Per valutare la qualità dell’aria negli ambienti indoor, è necessario ampliare l’elenco.

I principali tipi di COV collegati ai materiali da costruzione.

La formaldeide è uno dei COV più comuni. Altre fonti di COV includono la combustione di combustibili come gas, legno e cherosene, nonché i prodotti del tabacco. I COV possono anche provenire da prodotti per la cura della persona, come profumi e spray per capelli, detergenti, liquidi per la pulizia a secco, vernici, lacche, vernici, moquette, materiali per hobby e da fotocopiatrici e stampanti.

I COV possono causare irritazione agli occhi, al naso e alla gola, mancanza di respiro, mal di testa, affaticamento, nausea, vertigini e problemi della pelle. Alcuni COV sono sospettati di provocare il cancro negli esseri umani e hanno dimostrato di causare il cancro negli animali. Gli effetti sulla salute causati dai COV dipendono dalla concentrazione e dalla durata dell’esposizione alle sostanze chimiche.

I COV sono emessi da una vasta gamma di prodotti che si contano a migliaia. Gli esempi includono: vernici e lacche, svernicianti, prodotti per la pulizia, pesticidi, materiali da costruzione e arredi, pavimenti in vinile, attrezzature da ufficio come fotocopiatrici e stampanti, fluidi correttivi e carta autocopiante, grafica e materiali artigianali tra cui colle e adesivi, marcatori permanenti e soluzioni fotografiche.

Alcune comuni sorgenti di COV domestiche.

Secondo uno studio francese del 2008, i livelli di COV sono, in media, 10 volte più alti nelle case rispetto a quelli outdoor. I risultati dell’indagine nazionale condotta dall’Osservatorio francese della qualità dell’aria hanno dimostrato che fino al 25% delle abitazioni d’Oltralpe hanno concentrazioni molto elevate o elevate di COV. I livelli interni dipendono principalmente da fonti interne.

Gli aldeidi sono inclusi in molti prodotti della vita di tutti i giorni. Alcuni prodotti sono meno dannosi per l’ambiente e la salute e hanno un’etichettatura speciale. I livelli di COV indoor dipendono anche dal tasso di ricambio d’aria e dalle caratteristiche della famiglia, come la temperatura e l’umidità interne, l’età dell’edificio, la presenza di fumatori e la comunicazione con un garage.

I COV possono essere rilasciati dai prodotti durante l’uso e persino in magazzino. Tuttavia, la quantità di COV emessi dai prodotti tende a diminuire con l’invecchiamento del prodotto. Aumentate la ventilazione quando utilizzate prodotti che emettono COV. Soddisfate o superate le precauzioni dell’etichetta. Non conservate i contenitori aperti di vernici inutilizzate e materiali simili in casa.

Dunque, eliminare o limitare le fonti interne di composti organici volatili costituisce la prima opzione da considerare. In alcuni casi, le fonti di COV possono essere facilmente eliminate oppure ridotte mediante modifiche del comportamento o sostituzioni di prodotti, mentre in altri casi le misure di riduzione della fonte sono complicate e richiedono un compromesso.

La ventilazione esterna è l’altra opzione principale per ridurre le concentrazioni di composti organici volatili rilasciati da fonti interne. Quando viene fornita più aria esterna – sia attraverso un sistema di ventilazione meccanica contenente un qualche tipo di ventole, ventilatori o aspiratori, sia aumentando l’apertura di porte e finestre – le concentrazioni di COV rilasciati da fonti interne diminuiranno.

Tuttavia, la ventilazione in molte situazioni si tradurrà in minori riduzioni nelle concentrazioni di VOC indoor rispetto a quelle ottenibili con il controllo della sorgente. Infatti, i benefici dell’aumento della ventilazione possono essere parzialmente compensati dall’aumento delle emissioni, specie dei VOC di peso molecolare più elevato, che sono presenti principalmente sulle superfici interne.

Le fonti indoor di piombo

Il piombo è una sostanza tossica conosciuta che può avere effetti sulla salute a livelli molto bassi e i bambini piccoli sono particolarmente vulnerabili ai suoi effetti deleteri. Ciò è particolarmente vero per fonti come la polvere domestica, la pittura o l’acqua potabile. Sono infatti state riportate evidenze di leggeri effetti neurotossici a livelli di piombo nel sangue inferiori a 10 μg/dl.

Nonostante le importanti azioni per rimuovere le fonti di piombo dall’ambiente generale (come, ad esempio, l’abolizione della benzina con piombo e delle saldatura di piombo), l’esposizione al piombo continua ad essere un problema importante. Le fonti indoor di piombo sono ancora presenti nell’ambiente circostante i bambini e potrebbero contribuire a bassi livelli di esposizione.

Le tubature di piombo ed i materiali contenenti piombo sono fonti ben note di contaminazione dell’acqua potabile. Tuttavia, l’impatto di bassi livelli di contaminazione da piombo nell’acqua potabile è stato raramente studiato. Ed anche alcuni recenti studi non hanno potuto quantificare con precisione l’impatto del piombo proveniente dall’acqua potabile sui bambini piccoli.

Il piombo nella pittura e nella polvere di casa rimane un’importante fonte di esposizione al piombo. Negli Stati Uniti, il contributo della vecchia pittura come fonte di esposizione al piombo per i bambini piccoli è ben documentato. Alcuni casi di avvelenamento da piombo da pittura sono stati descritti in Canada, ma nessuno studio ha valutato l’impatto della vernice a base di piombo sui bambini piccoli.

Poiché è probabile che un certo numero di fonti siano presenti simultaneamente nell’ambiente domestico, in particolare nelle vecchie case, è importante valutarle alla stessa profondità, al fine di quantificare i loro contributi individuali. In effetti, la maggior parte degli studi sull’impatto di queste fonti sulla salute, hanno preso in considerazione solo una fonte in maggiore profondità rispetto alle altre.

In passato, il piombo veniva aggiunto a benzina, vernici, tubi dell’acqua, smalti ceramici, fertilizzanti e usato in molti processi industriali. Dalla fine degli anni ’70, l’eliminazione del piombo nella benzina e nelle vernici ha ridotto drasticamente l’inquinamento da piombo nei Paesi occidentali. Tuttavia, gran parte del piombo che è stato rilasciato attraverso l’uso di benzina con piombo in passato rimane nell’ambiente, specialmente nel terreno che si trova vicino alle strade principali o in passato trafficate.

L’andamento nel tempo dell’uso annuo di piombo negli USA per vernici e carburanti.

La fonte più comune di inquinamento da piombo dell’aria in ambienti chiusi è la vecchia vernice che si trova in case costruite fino agli anni Settanta. Se lasciata intatte e in buone condizioni, la vernice a base di piombo potrebbe non rappresentare un rischio significativo per la salute; ma se è scheggiata o deteriorata, può creare polvere, trucioli e particelle sospese che possono venire inalate. Attività come rimodellamento, raschiatura secca e demolizione disturbano e risospendono le particelle di vernice.

Anche il suolo contaminato e la polvere trasportata al chiuso dall’esterno contribuiscono in larga misura all’inquinamento da piombo indoor. I livelli di piombo nel suolo sono più elevati vicino a fonti come miniere di piombo, vecchi campi agricoli e strade e piste largamente trafficate. Le persone che lavorano con o intorno al piombo devono fare attenzione ad evitare di portare a casa le particelle di piombo sui loro vestiti o attrezzature, perché contribuirebbero non poco all’inquinamento indoor.

Data l’importanza della vernice a base di piombo come causa principale di elevata concentrazione di polvere di piombo negli ambienti indoor – e tenendo presente che non esiste un livello di esposizione al piombo sicuro per la salute – il contenuto di piombo delle superfici interne verniciate delle case può venire valutato con un analizzatore a fluorescenza a raggi X (XRF) portatile, la cui calibrazione va verificata, prima di ogni misurazione domestica, con un materiale di riferimento standard.

Ad esempio, una procedura di campionamento dell’ambiente indoor, adattata dal Dipartimento per gli alloggi e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti (US-HUD), consiste nel prendere due misurazioni consecutive di 30 secondi, a pochi centimetri l’una dall’altra. Quando il contenuto di piombo è uguale o maggiore di 0,5 mg/cm2, viene eseguita una terza misurazione per conferma.

Dove ci sono pitture diverse in una stanza, viene campionata più di una parete. Almeno cinque stanze vanno valutate in base all’uso da parte di bambini e/o al livello di deterioramento delle superfici verniciate: camera dei bambini, cucina, camera familiare, corridoio e un’altra stanza comunemente utilizzata dal bambino. Quando sono presenti trucioli di pittura per pareti su delle superfici o dei pavimenti danneggiati, vanno raccolti dei campioni per effettuarvi analisi di laboratorio.

 

Riferimenti bibliografici



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *