Come scegliere un misuratore di VOC

La qualità dell’aria interna è destinata a diventare uno dei fattori importanti per chi vuole avere edifici sani, efficienti e confortevoli. Uno dei catalizzatori di questa opportunità è l’esplosione di sensori e dispositivi per misurare e testare la qualità dell’aria negli edifici, inclusi particolati, composti organici volatili (COV o VOC), temperatura, umidità, CO2 e altri. Si tratta di una parte fondamentale della tendenza alla casa intelligente / casa connessa, poiché questi dispositivi sono sempre più disponibili e convenienti e stanno arrivando sul mercato a un ritmo crescente. Sensori e dispositivi di misurazione che una volta erano costosi e solo per uso professionale sono ora disponibili per qualsiasi proprietario di casa, possono essere installati per il monitoraggio 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno a prezzi abbordabili.

Perché dovrei comprare un misuratore di composti organici volatili (COV)?

Il rapporto della Commissione europea ha rilevato che il miglioramento della qualità dell’aria interna è “uno degli investimenti più redditizi che la società possa fare” e non potremmo essere più d’accordo. Non solo l’ottima qualità dell’aria interna aumenta la produttività, ma è anche la chiave per il comfort, il benessere e numerosi benefici per la salute quando i livelli di gas, tossine e sostanze chimiche vengono ridotti o rimossi.

I composti organici volatili totali (TVOC) sono una parte importante di questo e ultimamente c’è un aumento nella ricerca della loro riduzione e dei loro effetti. I composti organici volatili (COV) provengono da detergenti, vernici, solventi, tappeti e mobili e sono addirittura emessi dall’uomo. Quando hai uno spazio chiuso come una casa o un ufficio, questi gas emessi si accumulano e inquinano la nostra aria fresca. Esistono tuttavia modi semplici per risolvere questo problema.

Ci sono oltre 5.000 VOC che vengono espulsi dalla respirazione, dalla cottura, dalle funzioni corporee, dai profumi, dai deodoranti, dalle vernici, dai detergenti, dalle sigarette, dalle forniture per ufficio, ecc.  Un sensore VOC misura direttamente le concentrazioni ambientali di un’ampia gamma di “gas riducenti” associati a una cattiva qualità dell’aria. Esempi sono: alcoli, aldeidi, chetoni, acidi organici, ammine, clorammine organiche, idrocarburi alifatici e aromatici.  Questi gas bruciano tutti e fanno aumentare l’uscita in ppm del sensore VOC.

  • 【Funzioni Complete】--- Questo tester della qualità dell'aria 5 in 1 può testare accuratamente l'anidride carbonica (CO2), la formaldeide (HCHO), il composto organico volatile (TVOC), la temperatura e l'umidità contemporaneamente, mostra la qualità dell'ambiente per fornirti tutto -tondo modo di vita sano
  • 【Ampio Display LCD】--- Dotato di display LCD digitale con retroilluminazione, tutti i dati possono essere visti chiaramente su di esso di giorno o di notte
  • 【Design Portatile e Batteria Resistente】--- Dimensioni compatte 17,5x7x3 cm con supporto semplice, il rilevatore d'aria è progettato per essere trasportato facilmente ovunque.Batteria al litio da 3,7 V dotata di cavo USB, facile e conveniente da caricare
  • 【Accurato e Pratico】 --- Utilizzando chip accurati e tecnologia di rilevamento del flusso d'aria naturale.Questo rilevatore d'aria può essere posizionato comodamente in ogni angolo della casa, della scuola, dell'ufficio, dell'auto e in altri luoghi per il rilevamento della qualità dell'aria in tempo reale. manuale utente in inglese e tedesco
  • 【Unità Commutabile e Funzione di allarme】--- L'unità di temperatura può essere commutata tra Celsius e Fahrenheit.Funzione di allarme integrata, è possibile preimpostare il valore di avviso in anticipo, il rilevatore invierà l'allarme una volta che i dati effettivi superano il valore preimpostato

Tra i prodotti che possono rilasciare livelli più elevati di VOC nell’aria ci sono contenitori di carburante o dispositivi che utilizzano benzina, cherosene, olio combustibile e prodotti con distillati di petrolio: diluenti per vernici, macchie e vernici a base di olio, aerosol o prodotti liquidi per insetti nocivi , acquaragia minerale, lucidi per mobili, vari adesivi, cemento di contatto, cemento per modelli, sverniciatore, prodotti per la rimozione di adesivi (colla), prodotti spray aerosol per alcune vernici, cosmetici, prodotti automobilistici, trattamenti in pelle, pesticidi, mobili imbottiti, tappeti, compensato.

L’esposizione a breve termine ad alti livelli di alcuni COV può causare mal di testa, vertigini, stordimento, sonnolenza, nausea e irritazione agli occhi e alle vie respiratorie. Questi effetti di solito scompaiono dopo che l’esposizione si interrompe. Negli animali da laboratorio, l’esposizione a lungo termine ad alti livelli di alcuni COV ha causato il cancro e ha colpito il fegato, i reni e il sistema nervoso. Come sempre, tenere i bambini lontani da qualsiasi di queste sostanze chimiche se devono essere utilizzate.

L’importanza della ventilazione forzata con l’esterno

Il fattore più importante da considerare quando si vuole ridurre l’esposizione ai VOC è il processo di degassificazione. Quando le tossine e le sostanze chimiche VOC vengono rilasciate all’interno, la fuoriuscita di gas è contenuta in una piccola area facendone aumentare i livelli. Pertanto, l’aumento della ventilazione attraverso l’apertura delle finestre, la pulizia delle prese d’aria, l’installazione sotto le prese d’aria delle porte, sono tutte piccole modifiche che possono aiutare a combattere i livelli elevati.

Un ottimo modo per ottimizzare la ventilazione interna è monitorare la qualità dell’aria interna e regolare la ventilazione in base ai risultati. I VOC e la CO2 non sono le uniche sostanze nocive nell’aria. I PM, o particolato, sono piccoli pezzi di polvere che possono entrare nei polmoni, nel sangue e persino nel cervello. Sono molto pericolosi, ma possono essere monitorati con un monitor della qualità dell’aria. Allo stesso modo, l’umidità è essenziale per monitorare gli asmatici.

Pertanto, avere un sistema di ventilazione controllata a richiesta può essere una buona idea. Questo sistema ha un sensore che misura il valore di CO2 e invia un segnale a un ventilatore o un dispositivo che poi cambia il livello di ventilazione richiesto nella stanza. Il sistema dispone anche di serrande variabili che vengono solitamente utilizzate per regolare il flusso d’aria attraverso il sensore. Se si abbassa il livello di CO2 con la ventilazione forzata, automaticamente cala anche il livello di VOC.

Anche un sistema di ventilazione con sensore VOC può ottimizzare la qualità dell’aria interna riducendo al minimo il consumo di energia. Il sensore VOC elimina la necessità di una calibrazione manuale frequente fornendo una misurazione relativa e utilizzando un algoritmo logico di correzione automatica della linea di base (ABC). Con l’auto-correzione ABC, il sensore regola costantemente la linea di base di 450 ppm (aria esterna) per eliminare qualsiasi deriva del sensore. La logica spinge il sensore a ridurre rapidamente la linea di base quando viene rilevato un tempo di misurazione basso.

Quali sensori usare per misurare i VOC?

I sensori a elettroconduttività (EC) sono abbastanza selettivi per il composto target e sono disponibili in circa 30-40 tipi, più comunemente CO, H2, S NO, NO2, SO2, NH3, PH3, Cl2, ClO2, O3, HCl, HF, HCN e H2. Tuttavia, diverse migliaia di nuove sostanze chimiche vengono sintetizzate dall’industria ogni anno e quindi i sensori EC non sono disponibili per la stragrande maggioranza dei composti. La maggior parte di questi composti sono composti organici.

Se sono volatili, esiste il rischio di esposizione a sostanza tossiche per inalazione dei vapori. Pertanto, sono necessari rilevatori per composti organici volatili o COV. Con “avvelenamento” o “tossico”, di solito si intende tossicità a breve termine, in altre parole, un composto che può disabilitare o uccidere un lavoratore in pochi minuti. Tuttavia, molti dei composti presenti sul posto di lavoro non sono immediatamente pericolosi per la vita o la salute e mostrano invece una tossicità a lungo termine.

  • LKC 1000S + funzionalità: hcho/PM2.5/PM10/particelle/aqi/temperatura/umidità/videocamera Kurv
  • incorporato batteria a prestazioni elevate (voltaggio della batteria: 3.7 VDC). Grande schermo LCD TFT a colori, i risultati del test dimostrano inglese interfaccia chiara e semplice da leggere.
  • Adatto per: Home (cucina, camera da letto e ecc.), Ufficio, Auto, viaggi e campeggio etc.. testare la qualità dell' aria in qualsiasi momento ovunque via dai dannosi di PM2.5, hcho e così via.
  • Un ideale Multifunction Tester di monitoraggio della qualità dell' aria, un dorso per la salute della famiglia.
  • Il design compatto e leggero per un elevato comfort. Il rilevamento poco tempo e preciso.

Le basse concentrazioni di vapori organici spesso non possono essere rilevate dall’olfatto e sono ben al di sotto del limite di rilevamento di altri comuni sensori di gas, che di solito hanno un limite inferiore di poche centinaia di ppm. Pertanto, i rilevatori di VOC più recenti vengono utilizzati per misurare le concentrazioni di un’ampia varietà di vapori organici nell’intervallo di concentrazioni basse.

Il sensore VOC più comune è un rilevatore di fotoionizzazione a causa delle sue piccole dimensioni e del suo peso della sua sensibilità, tipicamente fino a 0,1 ppm. Altri sensori VOC, come i sensori a infrarossi e i rivelatori a ionizzazione di fiamma, tendono ad avere dimensioni maggiori, meno adatte per un misuratore compatto, ei semiconduttori di ossido di metallo tendono ad essere influenzati dall’umidità e dalla temperatura. La maggior parte degli strumenti utilizza gas isobutilene per calibrare il PID e dispone di librerie integrate di fattori di correzione che consentono la quantificazione di un gran numero di composti.

Limitazioni di un sensore VOC

A causa della natura relativa dell’uscita del sensore, il sensore VOC non può definire una tolleranza di precisione. Per definizione, la precisione è la variazione da una misurazione assoluta. Se il sensore VOC utilizza la logica ABC, non esiste una misurazione assoluta.

Il sensore VOC non è uno strumento analitico e non deve essere utilizzato in un’applicazione di sicurezza. È un sensore ad ampio raggio che non può effettuare le misurazioni dei singoli gas. Ad esempio, l’OSHA ha stabilito limiti di esposizione consentiti per l’alcol etilico. Il sensore VOC mostrerà livelli elevati quando è presente alcol etilico e segnalerà al sistema HVAC di aumentare la ventilazione, ma il sensore non può fornire una misurazione ppm specifica di alcol etilico in modo che l’utente possa documentare la conformità ai limiti di esposizione OSHA.

Il sensore VOC è in genere progettato per monitorare solo i comuni contaminanti della qualità dell’aria interna. Esistono diversi gas che influenzano la lettura del sensore ma non sono tipici contaminanti interni. I tipici gas esterni come SO2, H2 e CO influenzeranno il sensore ma il sensore VOC non deve essere utilizzato per monitorare ad es. la CO poiché non è sufficientemente sensibile per soddisfare i requisiti di sicurezza. Anche la CO2 non è uno dei COV monitorati da un sensore COV. Se la tua applicazione deve misurare direttamente la CO2, scegli un sensore di CO2.

I cinque migliori consigli per ridurre la contaminazione da VOC in ambienti interni

Scegliere la vernice

Livelli elevati di solventi VOC nelle vernici contribuiscono all’inquinamento e riducono la qualità dell’aria interna complessiva. Sempre più enti governativi stanno prendendo l’iniziativa per creare programmi di certificazione che spieghino ai consumatori quali vernici contengono VOC bassi e quindi sono a basso rischio. Quando si ridipinge, prendere in considerazione la scelta di vernici con bassi VOC come mostrato nelle etichette designate come “basso VOC”, “No VOC”, “Zero VOC” ecc.

Mobili usati

Con l’aumento dell’interesse per la ristrutturazione e il riutilizzo di mobili, sarai felice di sapere che c’è anche un eccellente beneficio per la salute che accompagna i mobili usati. La fuoriuscita di gas dai nuovi mobili è spesso più importante nei primi anni di vita del prodotto, quindi i mobili di seconda mano ridurranno questo rischio. Fa bene all’ambiente, è più efficiente in termini di costi e offre tranquillità.

Prodotti per la pulizia

Non è un segreto che pulire la casa solleva il morale. Questa sensazione di soddisfazione può essere raddoppiata scegliendo prodotti per la pulizia contrassegnati con COV bassi o nulli. Questo perché sono più rispettosi dell’ambiente, poiché è stato riscontrato che i COV nei prodotti per la pulizia diminuiscono la qualità dell’aria interna e contribuiscono alla formazione di smog nell’aria esterna. I prodotti di pulizia più comuni a cui prestare attenzione sono i detersivi, deodoranti per ambienti, lucido per mobili, detergente per forno, detergente per tappeti e altre vernici.

Conservazione

Seguendo il tema del riordino, si consiglia di conservare i prodotti tossici in un garage o in un capannone indipendente. Non è solo il consumo di prodotti come pitture, vernici, prodotti per la pulizia pesante, ecc. Che sono pericolosi. In realtà omettono i gas che possono infiltrarsi in una stanza e ridurre la qualità dell’aria interna al luogo in cui sono posizionati.