Inquinamento indoor: gli effetti sulla salute

L’esposizione ad inquinanti indoor aumenta il rischio di sviluppare certe patologie, che naturalmente dipendono soprattutto dal tipo di inquinante. Ecco perché ora indicheremo gli effetti noti sulla salute per tutti i principali inquinanti dell’ambiente domestico.

Inoltre, gli effetti dell’esposizione a qualsiasi sostanza pericolosa dipendono dalla dose, dalla durata, dal modo in cui si è esposti ad essa, dai tratti e dalle abitudini personali e dalla presenza di altre sostanze chimiche. In generale, maggiore è l’esposizione all’agente contaminante, maggiore è la possibilità di sviluppare effetti nocivi sulla salute. Inoltre, i sintomi di alcune malattie croniche serie, come ad es. il cancro, possono richiedere molti anni dopo l’esposizione per svilupparsi.

Fumo passivo

Il fumo passivo è la terza causa principale di cancro ai polmoni (dopo il fumo e il radon) ed è responsabile di centinaia di morti per cancro al polmone ogni anno. A breve termine, l’esposizione al fumo passivo può causare irritazione agli occhi, al naso e alla gola. Nel lungo periodo, può causare molti degli stessi problemi di salute del fumare, come il respiro sibilante, la polmonite, la bronchite e il cancro ai polmoni. Anche gli attacchi di asma possono essere scatenati dall’esposizione al fumo passivo. L’esposizione al fumo passivo può avere gravi conseguenze per la salute dei bambini, compresi gli attacchi d’asma, che colpiscono le vie respiratorie (bronchite, polmonite) e possono causare infezioni.

Fumo dal riscaldare o cucinare

L’esposizione all’inquinamento dell’aria domestico dovuto al fumo prodotto – per riscaldarsi e/o per cucinare – da fuochi aperti o da semplici stufe bruciando biomassa (legno, sterco animale e raccolto) o carbone, è il 4° peggior rischio per la salute nel mondo e porta a circa 4 milioni di morti premature ogni anno: tante sono infatti le persone che muoiono prematuramente per malattie non trasmissibili (tra cui ictus, cardiopatia ischemica, cronica malattia polmonare ostruttiva cronica e cancro ai polmoni) attribuibili all’inquinamento indoor per l’uso inefficiente di combustibili solidi. Più del 50% delle morti premature per polmoniti tra i bambini sotto i 5 anni sono causate dal particolato (fuliggine) inalata.

Particolato indoor

Gli effetti sulla salute umana del particolato outdoor sono ben assodati e vengono usati per stabilire standard per l’aria esterna. Tuttavia, si sa meno circa gli impatti specifici del particolato indoor sulla salute. I medici sono particolarmente preoccupati per particelle di particolato di diametro pari o inferiore a 10 micrometri (μm), perché queste particelle sono inalabili. L’esposizione a particelle inalabili può influenzare sia i polmoni che il cuore: esse possono penetrare in profondità nei polmoni e alcune possono persino entrare nel flusso sanguigno. Possono quindi produrre aggravamento dei sintomi della malattia coronarica e respiratoria, e morte prematura in persone con malattie cardiache o polmonari.

Muffa

Le muffe possono potenzialmente causare problemi di salute nelle persone. Le muffe, infatti, producono allergeni e irritanti. L’inalazione o il contatto con spore di muffe può causare, in individui sensibili, reazioni allergiche, che includono sintomi tipo febbre da fieno, come starnuti, naso che cola, occhi rossi ed eruzioni cutanee. Le reazioni allergiche alle muffe sono comuni. Possono essere immediate o ritardate. Le muffe possono anche causare attacchi di asma in persone con asma allergiche alla muffa. Inoltre, l’esposizione alla muffa può irritare occhi, pelle, naso, gola e polmoni di persone allergiche alla muffa e non allergiche. Infine, le reazioni gravi possono causare febbre e problemi di respirazione.

Contaminanti biologici

Alcuni contaminanti biologici provocano reazioni allergiche, tra cui: polmonite da ipersensibilità, rinite allergica, alcuni tipi di asma. Anche molte malattie infettive – come ad es. l’influenza, il morbillo e la varicella – sono trasmesse attraverso l’aria. I sintomi dei problemi di salute causati da inquinanti biologici includono: starnuti, occhi pieni di lacrime, tosse, mancanza di respiro, vertigini, sonnolenza, febbre e problemi digestivi. Le reazioni allergiche si verificano solo dopo esposizione ripetuta (anche a distanza di tempo) ad un allergene biologico specifico. I bambini, gli anziani e le persone con problemi respiratori, allergie e malattie polmonari sono particolarmente suscettibili agli agenti biologici.

Amianto

L’esposizione all’amianto aumenta il rischio di sviluppare gravi malattie polmonari, e questo rischio è aggravato dal fumare. A lungo termine, l’esposizione all’amianto può portare a vari disturbi polmonari, tra cui il cancro del polmone – in particolare, il mesotelioma, una forma rara di cancro che si sviluppa nel mesotelio, un sottile tessuto che riveste i polmoni e la maggior parte degli organi interni – e l’asbestosi. L’asbestosi è una condizione infiammatoria progressiva e non cancerosa dei polmoni che provoca tosse, problemi di respirazione e danni polmonari permanenti. Le persone colpite dall’amianto dovrebbero consultare degli avvocati specializzati in esposizione all’amianto.

Particelle di piombo

L’esposizione al piombo può danneggiare il cervello, il sistema nervoso, i reni ed i globuli rossi. Il piombo è particolarmente pericoloso per i bambini, perché i loro corpi in crescita assorbono più piombo degli adulti e il loro cervello e sistema nervoso sono più sensibili ai suoi effetti dannosi. I bambini piccoli possono anche essere più esposti al piombo perché spesso mettono in bocca le mani e altri oggetti che possono portare piombo dalla polvere o da terra. I bambini possono essere esposti al piombo pure mangiando e bevendo cibo o acqua contenente piombo. Se i bambini sono esposti, possono sviluppare periodi di attenzione brevi, problemi comportamentali, livelli di QI più bassi e crescita ritardata.

Composti organici volatili (COV)

I COV hanno una varietà di effetti sia a breve che a lungo termine, da mal di testa, vertigini e nausea a insufficienza d’organo e molti tipi di cancro. Alcune sostanze chimiche organiche, infatti, possono causare il cancro negli animali, mentre alcune sono sospettati o note causare il cancro negli esseri umani, mentre altre ancora non hanno effetti noti sulla salute. I principali segni o sintomi associati all’esposizione ai VOC includono: irritazione congiuntivale, disagio al naso e alla gola, mal di testa, reazione allergica cutanea, dispnea, nausea, vomito, etc. Come con altri inquinanti, la portata e la natura dell’effetto sulla salute dipenderanno da molti fattori, tra cui il livello di esposizione e la sua durata.

Monossido di carbonio (CO)

Il monossido di carbonio è un gas altamente tossico. L’esposizione causa nausea, perdita di coscienza e infine morte. Infatti, il monossido di carbonio formazione carbossiemoglobina nel sangue e impedisce al tuo corpo di usare l’ossigeno di cui ha bisogno per funzionare normalmente. A basse concentrazioni, provoca affaticamento nelle persone sane, e dolore toracico nelle persone con malattie cardiache. A concentrazioni moderate, angina, visione alterata, ridotta funzione cerebrale. A concentrazioni elevate, provoca visione e coordinamento alterati, mal di testa, vertigini, confusione, nausea e sintomi simil-influenzali. Se la concentrazione di monossido di carbonio è molto elevata, potresti morire.

Formaldeide (CH2O)

Tutti sono esposti a piccole quantità di formaldeide nell’aria e ad in alcuni alimenti e prodotti. Piccole quantità di formaldeide, infatti, sono prodotte naturalmente da piante, animali e esseri umani. L’esposizione alla formaldeide può causare effetti avversi sulla salute. La formaldeide, infatti, può causare irritazione della pelle, degli occhi, del naso e della gola. Livelli elevati di esposizione possono causare alcuni tipi di cancro. Il modo principale per essere esposti alla formaldeide è respirare aria contenente formaldeide sotto forma di gas dovuti a degassamento. Ognuno è esposto a piccole quantità di formaldeide nell’aria che è stata rilasciata dai prodotti, compresi quelli in legno compensato.

Ozono (O3)

L’ozono nell’aria che respiriamo, outdoor o indoor, può danneggiare la nostra salute. I più a rischio nel respirare aria contenente ozono sono gli individui con asma, bambini, anziani e le persone che sono attive all’aperto, in particolare i lavoratori. Respirare ozono può innescare una serie di problemi di salute, tra cui dolore toracico, tosse, irritazione alla gola e infiammazione delle vie respiratorie. Inoltre, può causare mancanza di respiro, ridurre la funzionalità polmonare e danneggiare il tessuto polmonare. L’ozono può peggiorare la bronchite, l’enfisema e l’asma, portando alla necessità di maggiori cure mediche. L’ozono può anche creare gas tossici quando interagisce con altre sostanze.

Biossido di azoto (NO2)

Il biossido di azoto agisce principalmente come irritante sulla mucosa degli occhi, del naso, della gola e delle vie respiratorie. L’esposizione a basso livello può compromettere la funzione polmonare per le persone già a rischio, come gli asmatici, le persone con malattia polmonare ostruttiva cronica e i bambini. L’esposizione moderata può portare a bronchite acuta o cronica. L’esposizione ad alte concentrazioni per periodi brevi può portare a tosse, respiro sibilante, asma e difficoltà respiratorie. Infine, l’esposizione a dosi molto elevate, come nel caso di un incendio di un edificio, può portare a edema polmonare (accumulo di liquidi potenzialmente fatali nei polmoni) od a lesioni polmonari diffuse.

Pesticidi e disinfettanti

L’esposizione ai pesticidi può causare irritazione per gli occhi, il naso e la gola, danni al sistema nervoso centrale e ai reni, aumento del rischio di cancro. I sintomi possono includere mal di testa, vertigini, debolezza muscolare, nausea. L’esposizione cronica può provocare danni a: fegato, reni, sistema endocrino e nervoso. Sia gli ingredienti attivi che quelli inerti nei pesticidi possono essere composti organici; quindi, entrambi potrebbero aggiungersi ai livelli di sostanze organiche disperse nell’aria all’interno delle case. Entrambi i tipi di ingredienti possono causare il tipo di effetti discussi nei Composti Organici Volatili (COV). Tuttavia, si ignorano le concentrazioni di pesticidi necessarie per produrre questi effetti.

Radon

Il radon è una causa significativa di cancro ai polmoni – addirittura la causa numero uno per questo tipo di cancro tra i non fumatori – ed è responsabile di migliaia di morti ogni anno già solo in Italia. Nel complesso, il radon è la seconda causa principale di cancro ai polmoni dopo il fumo di sigaretta. Essere esposti a livelli elevati di radon aumenta il rischio di contrarre il cancro ai polmoni, che è uno dei tumori con il tasso di sopravvivenza più basso. Per i fumatori il rischio di cancro ai polmoni è significativo a causa degli effetti sinergici del radon e del fumo. Per questa popolazione circa 62 persone su 1.000 moriranno di cancro ai polmoni, rispetto a 7,3 persone su 1.000 per i non fumatori.

 

Riferimenti bibliografici

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *