Falde acquifere: i principali inquinanti

La principale fonte di inquinamento delle acque dolci può essere attribuita alle sostanze chimiche e tossiche dovute dallo scarico di rifiuti non trattati, agli effluenti industriali, alla deposizione atmosferica ed alla fuoriuscita di pesticidi e scorie varie dai campi agricoli, specie da quelli utilizzanti i fanghi di depurazione “imbottiti”, che possono contenere piccole quantità dei composti chimici più vari.

Tutte le acque dolci sotterranee e di superficie sono ormai contaminate in misura variabile da metalli pesanti, inquinanti organici persistenti, sostanze nutritive e da un’ampissima varietà di sostanze chimiche e tossiche che hanno, evidentemente, un effetto potenzialmente molto negativo sulla salute dell’uomo. Le acque sotterranee, infatti, sono una parte preziosa dell’approvvigionamento idrico.

Purtroppo, le acque sotterranee diventano facilmente contaminate e più di frequente gli esseri umani interagiscono con queste fonti di acqua, tanto più probabilmente esse sono contaminate. In particolare, le falde acquifere da cui traiamo l’acqua potabile possono essere contaminate in vari modi e attraverso varie fonti, le più comuni delle quali sono menzionate di seguito:

Inquinanti organici persistenti

Molti degli oltre 100 000 composti organici sintetici oggi in uso si trovano nell’ambiente acquatico e si accumulano nella catena alimentare. I cosiddetti “inquinanti organici persistenti” (POP), in particolare, rappresentano l’elemento più dannoso per l’ecosistema e per la salute umana, e comprendono ad es. molte sostanze chimiche industriali assai resistenti alla decomposizione, che possono accumularsi nell’acqua e nel pesce e causare gravi danni alla salute umana. Quando le acque sotterranee vengono da essi contaminate, ciò porta ad una seria contaminazione chimica dell’acqua potabile.

Pesticidi

I pesticidi sono uno dei più noti inquinanti potenziali sia dell’acqua che del suolo. I pesticidi vengono utilizzati quasi ovunque in città per cercare di far crescere bene l’erba e altre piante. Possono venire usati nei prati dei nostri giardini, nei campi da golf e, naturalmente, nelle piccole e grandi aziende agricole. Purtroppo, quando vengono utilizzati spesso, le piogge possono portarne via le scorie, consentendo a queste sostanze chimiche di penetrare nel suolo e di inquinare le acque sotterranee. A volte, possono anche contaminare direttamente le acque di superficie.

Fanghi di depurazione “imbottiti”

I fanghi di depurazione derivano dal processo di trattamento delle acque reflue civili, industriali e  agroalimentari. La normativa attuale vigente in Italia consente che essi siano mescolati a rifiuti. Le tipologie di rifiuti ammesse sono decine, alcuni dei quali pericolosissimi perché non se ne conosce la provenienza. Particolarmente grave è l’inquinamento del suolo e delle falde acquifere con gli inquinanti organici persistenti, in quanto essi sono presenti in molti dei rifiuti aggiunti ai fanghi. In realtà, anche i fanghi di depurazione non “imbottiti” con i rifiuti sono risultati non innocui.

Nutrienti

Potrebbe sembrare strano da biasimare le sostanze nutritive per l’inquinamento potenziale dell’acqua, ma sebbene alcuni tipi di sostanze nutritive in piccole quantità siano necessarie nell’acqua, quando questi nutrienti sono presenti in quantità eccessive possono essere pericolosi o addirittura mortali. L’agricoltura è una delle principali cause di sovrabbondanza di nutrienti nell’acqua di falda. Fertilizzanti e pesticidi provocano entrambi questo problema. Anche i rifiuti organici del bestiame possono contribuire all’inquinamento da troppi nutrienti attraverso il deflusso nei campi.

Fogne e fosse biologiche

Le acque reflue urbane non trattate o trattate in modo inadeguato o da impianti vetusti – nonché le fosse biologiche, presenti quasi ovunque vi sia la vita umana – sono una delle principali fonti di inquinamento delle acque sotterranee e delle acque superficiali nei paesi in via di sviluppo. Il materiale organico che viene scaricato con i rifiuti urbani nei corsi d’acqua utilizza quantità sostanziali di ossigeno per la degradazione biologica, sconvolgendo così l’equilibrio ecologico dei fiumi e dei laghi. Le acque reflue trasportano anche patogeni microbici che sono la causa della diffusione di malattie.

Arsenico

L’arsenico è un noto inquinante, conosciuto anche come veleno. Il consumo dell’arsenico risulta mortale anche in piccole quantità per gli esseri umani e per gli animali. L’arsenico è presente naturalmente nei pozzi di alcuni acquedotti. Tuttavia, quando ciò accade, vengono solitamente condotti trattamenti per rimuovere la sostanza tossica dall’acqua. L’inquinamento a arsenico si verifica quando l’acqua passa attraverso rocce che ne contengono piccole quantità. Può anche provenire da fertilizzanti e altri trattamenti usati in agricoltura e in varie industrie, e dilavato dalla pioggia penetra nel terreno.

Piombo

Anche se le case più nuove costruite negli ultimi anni hanno prestato molta attenzione alla presenza di piombo, le case più anziane non sono così fortunate. Molte volte, le case costruite alcuni decenni fa contengono vernici al piombo, tubi di piombo e anche raccordi di piombo. Quando piove, il deflusso di tracce di piombo può penetrare nell’acqua sotterranea e contaminarla. Se vivi in una casa con tubi di piombo, di fatto bevi acqua “al piombo” ogni giorno. E se hai qualche volta sentito parlare della possibilità di avvelenamento da piombo, sai che è una potenziale minaccia.

Fluoro

Il fluoro è una delle tante sostanze chimiche che si possono trovare nell’acqua sia naturalmente che aggiunto, in certi Paesi, dalle aziende dell’acqua. Il fluoro arriva naturalmente nell’acqua che passa attraverso le rocce che contengono piccole quantità di questa sostanza. Tuttavia, a volte viene aggiunto per aiutare a rafforzare le ossa ed i denti. Le quantità di fluoro negli acquedotti devono essere attentamente monitorate in ogni momento, ma spesso non lo sono, e ciò può portare ad avere una quantità eccessiva di questo minerale, che può essere dannoso o addirittura mortale.

Altri metalli pesanti

Anche metalli come lo zinco, il rame, il mercurio e il cadmio sono spesso presenti nelle acque di scarico industriali, e pregiudicano la salute degli esseri umani e degli altri animali. L’avvelenamento da cadmio, ad esempio, provoca il cancro dei polmoni e la sindrome Itai-Itai (malattia dolorosa delle ossa e delle articolazioni, provoca l’assottigliamento delle ossa e insufficienza renale). L’acqua contaminata con il cadmio può causare anche una malattia infantile chiamata sindrome ouch-ouch (una malattia dolorosa delle ossa e delle articolazioni), nonché il cancro dei polmoni e del fegato.

Sostanze petrolchimiche

Le sostanze petrochimiche, prodotte dal petrolio greggio e dal gas naturale liquido, vengono utilizzate per produrre migliaia di prodotti che rendono possibile la vita del Ventunesimo secolo. Tutto ciò che non è fatto da rocce, piante, altre cose viventi o metallo è fatto da sostanze petrolchimiche. Ciò include tutto ciò che è fatto di plastica. Altre sostanze petrolchimiche note sono la benzina, il gasolio ed altri combustibili per il riscaldamento domestico. Si tratta, in generale, di prodotti assai tossici o di prodotti “spazzatura” che inquinano l’ambiente e minacciano la nostra salute per varie vie.

Solventi clorurati

I solventi clorurati sono prodotti chimici industriali usati ampiamente per la pulizia del metallo e nella produzione di termoplastiche, lacche, profumi e prodotti in polivinilcloruro (PVC). I solventi clorurati più comuni includono: il tetracloroetilene, il tricloroetilene, il dicloroetilene ed il cloruro di vinile. Nell’ambiente i solventi clorurati si abbattono rapidamente nell’aria e nell’acqua superficiale, ma molto più lentamente nel suolo e nelle acque sotterranee. Queste sostanze raggiungono spesso l’acqua sotterranea contaminando la falda, ed inoltre piccole quantità si mescolano all’acqua.

Batteri

Anche l’approvvigionamento idrico più curato ha alcune tracce di batteri presenti e perfino l’acqua più pura di una remota sorgente di montagna ce li ha. Tuttavia, quando in un approvvigionamento idrico sono presenti dei batteri pericolosi, la probabilità di malattie umane diventa molto più elevata. Il rischio aumenta con la temperatura tiepida, che favorisce la proliferazione batterica. Inoltre, con la presenza di residui nell’approvvigionamento idrico, la probabilità di inquinamento batterico raddoppia. Infine, la presenza di animali morti nell’acqua può creare un numero enorme di batteri.

Nitrati

I nitrati sono un tipo naturale di rifiuti provenienti dagli esseri umani e dagli animali. I nitrati vengono principalmente dal fertilizzante naturale e compost che viene aggiunto ai campi. L’uso eccessivo di concimi causa la contaminazione da nitrati delle acque sotterranee, con il risultato che i livelli di nitrati nell’acqua potabile sono ben al di sopra dei livelli di sicurezza raccomandati. I nitrati possono anche essere un sfortunato effetto collaterale legato a una fossa biologica o all’inquinamento delle acque reflue. Troppi nitrati sono dannosi per la salute degli esseri umani, e soprattutto dei bambini.

Radon

Dal momento che il radon è presente in gran parte del suolo e delle rocce, non solo è in grado di muoversi nell’aria, ma anche nelle sorgenti di acqua sotterranea. Il radon può essere presente in un pozzo d’acqua e può essere rilasciato nell’aria nelle case quando l’acqua viene utilizzata per la doccia e altri usi domestici. Se si sospetta che un pozzo privato o l’acqua potabile possa essere contaminata dal radon, è possibile farla analizzare in un laboratorio. Se si determina che il radon è presente in un pozzo privato, può essere necessario installare una soluzione al rubinetto per rimuoverlo dall’acqua.

Sale

L’acqua può addirittura essere contaminata con il troppo sale. Naturalmente l’acqua salata non è una fonte di acqua inquinata, ma è completamente inadatta ad essere bevuta dagli esseri umani. Le sorgenti di acqua dolce che sono esposte a troppo sale sono pertanto gravemente danneggiate. Il sale nell’acqua può venire da qualsiasi parte. Tuttavia, una delle cause più comuni è l’utilizzo di sale su strade e marciapiedi durante i mesi invernali. Quando questi prodotti vengono utilizzati in abbondanza per aiutare a sciogliere ghiaccio e neve, penetrano nel terreno, contaminando la falda sotterranea.

Acidificazione

L’acidificazione, di per sé, non è necessariamente un inquinante, ma è il risultato di un sacco di inquinanti presenti nell’acqua per troppo tempo, che la rendono in pratica inutilizzabile dagli esseri umani. L’acidificazione colpisce le acque superficiali, principalmente laghi e sorgenti, ed è uno dei principali impatti ambientali diretti del trasporto su lunghe distanze, a chilometri dalla fonte centrale del problema, degli inquinanti atmosferici come l’anidride solforosa delle centrali elettriche, o di altri inquinanti prodotti dall’industria pesante – come le acciaierie – e dagli autoveicoli.

 

Riferimenti bibliografici

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *