Inquinanti indoor: come ridurre l’esposizione

Per ridurre l’esposizione agli inquinanti indoor, esistono dei metodi generali dimostratisi sia sicuri che efficaci, che comprendono essenzialmente: l’eliminazione o il controllo delle fonti di sostanze inquinanti; l’aumento della ventilazione con aria esterna, in modo da diluirli opportunamente; e la rimozione degli inquinanti mediante metodi collaudati di pulizia dell’aria.

Evitare o ridurre l’esposizione agli inquinanti indoor è particolarmente importante per soggetti sensibili con malattie croniche cardiovascolari o polmonari, bambini e anziani. Per farlo, occorre seguire delle linee guida che, di solito, sono diverse a seconda del tipo di inquinante considerato. Ecco quindi un elenco delle azioni consigliabili per ciascuna categoria di contaminanti dell’aria domestica:

Fumo passivo

Non fumare sigarette, sigari o tabacco da pipa all’interno della tua casa e non permettere ad altri di farlo. Se un membro della famiglia insiste a fumare in casa, aumenta la ventilazione nell’area in cui si svolge il fumare. Apri finestre o utilizza degli aspiratori di scarico istallati ad hoc per scaricare l’aria dell’ambiente in cui si trova il fumatore direttamente verso l’esterno. Mantieni la tua casa ben ventilata per prevenire l’accumulo di fumo da tabacco. Non fumare se sono presenti bambini, in particolare neonati e bambini piccoli. Separare fumatori e non fumatori all’interno della stessa area, come in una caffetteria, può ridurre l’esposizione, ma i non fumatori saranno comunque esposti a fumo riciclato.

Fumo dal riscaldare o cucinare

Utilizzando tecnologie e combustibili puliti per la cucina domestica, il riscaldamento e l’illuminazione si ridurrebbero in modo netto le infezioni respiratorie, le malattie respiratorie croniche, e le patologie cardiovascolari. Alla luce di questi rischi, potresti prendere in considerazione la possibilità di sostituire il tuo caminetto o stufa a legna o pellet con una fonte di calore a gas, propano o elettrica a casa. Stufe e caminetti che utilizzano combustibili alternativi possono fornire altrettanto calore senza il rischio di inquinamento dell’aria interna da fumo e perticolato fine e ultrafine. Non bruciare mai nulla nella stufa o nel camino, se non legno pulito che è stato tagliato ed essiccato da almeno 6 mesi.

Particolato indoor

I livelli di particolato indoor dipendono da diversi fattori, tra cui livelli esterni, infiltrazioni, tipi di sistemi di ventilazione e di filtrazione utilizzati, fonti interne e attività personali degli occupanti. Per ridurre i livelli del particolato indoor, sfiatate tutti gli apparecchi di combustione alimentati a combustibile all’esterno; installare e utilizzate ventole di scarico verso l’esterno durante la cottura; scegliete stufe a legna di dimensioni adeguate, certificate per soddisfare i migliori standard di emissione; utilizzate legna appropriata in stufe e caminetti. Fate controllare, pulire e mettere a punto l’impianto di riscaldamento ogni anno da un professionista, sostituendo gli eventuali filtri di condizionatori o depuratori d’aria.

Muffa

Le muffe non sono di solito un problema al chiuso, a meno che le spore della muffa non atterrino su un punto umido e inizino a crescere, ad es. se il problema dell’umidità rimane sconosciuto o non risolto. Il modo migliore per controllare la crescita delle muffe è controllare l’umidità. In pratica, occorre tenere la casa il più asciutta possibile e mantenere un livello di umidità inferiore al 50%. Tieni la ventola del bagno accesa o la finestra aperta quando fai la doccia. Controlla, inoltre, se vi sono perdite di tubi e gocce d’acqua. Assicurati che gli apparecchi che creano umidità siano sfiatati. È importante asciugare le aree e gli oggetti danneggiati dall’acqua entro 24-48 ore per evitare la formazione di muffa.

Contaminanti biologici

Mantieni la casa pulita. Gli acari della polvere, i pollini, i peli di animali e altri agenti allergici possono essere ridotti, anche se non eliminati, attraverso una pulizia regolare. Il mantenimento dell’umidità relativa tra il 30% e il 60% aiuta a controllare muffe, acari della polvere e scarafaggi. Una buona manutenzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento dell’aria è molto importante. Pulite gli umidificatori, che possono diventare anch’essi terreno fertile per contaminanti biologici che causano malattie. Usate gli aspiratori d’aria che vengono scaricati all’esterno in cucine e bagni, anche per ridurre i livelli di inquinanti organici che si vaporizzano dall’acqua calda usata nelle docce e nelle lavastoviglie.

Amianto

Se il tetto, le tegole, i materiali ignifughi o altri prodotti edilizi di casa tua contengono amianto – il cui uso è stato massiccio fino al 1992 – ma sono in buone condizioni, gli esperti consigliano di mantenerli in buone condizioni. In caso contrario, falli rimuovere da un professionista qualificato. L’amianto deve essere maneggiato da professionisti qualificati perché il processo di rimozione può spesso rilasciare nell’aria fibre nocive. In generale, non è possibile stabilire se un materiale contenga amianto semplicemente osservandolo. In caso di dubbio, trattate il materiale come se contenesse amianto, oppure fatelo valutare da un esperto accreditato, che potrebbe prelevare in sicurezza campioni per l’analisi.

Particelle di piombo

Prima che si sapesse quanto il piombo possa essere dannoso, era usato in vernici, benzina, tubi dell’acqua e molti altri prodotti. Perciò, ad oggi in Italia sono stati introdotti divieti nella produzione delle benzine, delle vernici, dei giocattoli, delle tubazioni, etc. Il piombo nelle polveri domestiche deriva da fonti interne, come il deterioramento della vernice a base di piombo. Negli Stati Uniti la vernice di piombo, vietata dal 1978, è ancora presente in milioni di case, a volte sotto strati di vernice più recente. Il deterioramento della vernice a base di piombo è un pericolo e richiede un’attenzione immediata. Assicurati quindi di mantenere la vernice in ottime condizioni e di pulire frequentemente la polvere.

Composti organici volatili (COV)

Aumentate la ventilazione quando utilizzate prodotti che emettono Composti Organici Volatili (COV). Soddisfate o superate le precauzioni indicate sull’etichetta del prodotto. Assicurati di fornire molta aria fresca durante l’utilizzo di prodotti per la pulizia della casa o del bagno, aprendo le finestre per fornire la massima quantità di aria esterna possibile. Sigillate e non conservate in casa i contenitori aperti di vernici non utilizzate, o quelli pieni di sostanze chimiche vecchie o non necessarie. La formaldeide, uno dei più conosciuti COV, è uno dei pochi inquinanti dell’aria indoor facilmente misurabili. Identifica e, se possibile, rimuovi la fonte. Se non è possibile rimuoverla, riduci l’esposizione.

Monossido di carbonio (CO)

Dato che il monossido di carbonio non può essere visto o annusato, è necessario un rilevatore di monossido di carbonio per rilevare i livelli pericolosi. Assicurati che, una volta installato, funzioni correttamente. Assicurati che gli apparecchi di combustione – come fornelli, stufe, le caldaie, i caminetti, etc. – siano stati installati correttamente e siano ben ventilati verso l’esterno. Fai pulire e ispezionare regolarmente la tua caldaia a gas, il caminetto e le relative canne fumarie. Assicurati che le porte su tutte le stufe a legna o a pellet aderiscano perfettamente. Non usare dispositivi di combustione senza che vi siano prese d’aria all’interno della casa e non riscaldare mai la casa con un fornello a gas.

Formaldeide (CH2O)

Riduci i prodotti a base di formaldeide presenti nella tua casa. Prendi in considerazione l’acquisto di prodotti in legno composito certificati con standard che includono limiti sulle emissioni di formaldeide. Evita altrimenti di usarli, come pure i pavimenti in laminato. Utilizza aria condizionata e deumidificatori: infatti, la velocità con cui la formaldeide viene rilasciata è accelerata dal calore e può anche dipendere leggermente dal livello di umidità, pertanto il mantenere una temperatura moderata può aiutare a ridurre le emissioni di formaldeide. Anche aumentare il tasso di ventilazione in casa, in particolare dopo avervi portato nuove fonti di formaldeide, aiuterà a ridurre i livelli di formaldeide.

Ozono (O3)

Molti fattori influenzano le concentrazioni di ozono, compresa la quantità di ozono prodotta dagli ozonizzatori o ionizzatori, la dimensione dello spazio interno, la quantità di materiale nella stanza con cui reagisce l’ozono, la concentrazione di ozono outdoor. Riducete i livelli di ozono indoor mantenendo la casa ben ventilata. Le concentrazioni di ozono prodotte dai generatori di ozono possono superare gli standard per la salute anche quando si seguono le istruzioni del produttore. Limitate l’esposizione anche a prodotti di pulizia “verdi” a base di estratti di agrumi e terpeni (idrocarburi insaturi largamente diffusi nelle piante), poiché reagiscono molto rapidamente con l’ozono per creare fumi pericolosi.

Biossido di azoto (NO2)

Lo sfiato verso l’esterno della casa delle sorgenti di biossido di azoto, assicurando che gli apparecchi di combustione siano correttamente installati, utilizzati e mantenuti, sono le misure più efficaci per ridurre l’esposizione a tale inquinante. In pratica, sono le stesse sono le stesse misure usate per ridurre l’esposizione al monossido di carbonio. Scegli stufe a legna o a pellet di dimensioni adeguate e certificate avere basse emissioni. Utilizzate il combustibile appropriato negli apparecchi di riscaldamento a cherosene. Installate e utilizzate una ventola di scarico ventilata all’esterno sui fornelli a gas. Aprite la canna fumaria quando usate il caminetto. Non lasciate l’auto all’interno del garage.

Pesticidi e disinfettanti

Usate i prodotti rigorosamente secondo le indicazioni del produttore. Mescolateli o diluiteli sempre all’aperto. Utilizzare solo i pesticidi approvati per l’uso da parte del pubblico. Applicateli solo nelle quantità raccomandate. Aumentate la ventilazione durante l’utilizzo in ambienti chiusi. Portate le piante o gli animali domestici all’aperto quando usate insetticidi o prodotti contro pulci e zecche. Utilizzate metodi non chimici di controllo dei parassiti, ove possibile. Evitate di usare repellenti contro tarme o falene, come pure di deodoranti per l’ambiente non naturali. Non conservate pesticidi non necessari all’interno della casa. È prudente ridurre l’uso di pesticidi chimici anche all’aperto, ad es. nel giardino.

Radon

Puoi verificare i livelli di radon presenti nella tua casa con degli appositi kit di screening facili da usare e acquistabili online. Se la tua casa ha livelli elevati di radon, devi incaricare un professionista qualificato di rimuoverlo, in modo che possa determinare la modalità di intervento più appropriata nel tuo caso specifico e rimuovere o isolare la sorgente in sicurezza. I sistemi di riduzione del radon funzionano: alcuni possono ridurlo finanche del 99%. Vanno scelti, fra le altre cose, in base al livello di radon, ai costi di installazione e operatività, alla dimensione della casa ed al tipo di fondamenta. La maggior parte delle case può venire risanata per circa lo stesso costo di altre riparazioni domestiche comuni.

 

Riferimenti bibliografici

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *